A che punto siamo: hanno firmato la Dichiarazione di Intenti in 12!

Libero Comune Project

Sottoscrivi la Dichiarazione di intenti Entra

News e articoli

» Tutte le news e gli articoli

Saint Rhemy En Bosses

Preferenze

  • 0
  • Non so 3
  • No 0

Saint-Rhémy-en-Bosses è un comune dell'alta valle del Gran San Bernardo, in Valle d'Aosta.

Altitudine: 1619m s.l.m.;
Superficie: 65km²;
Abitanti: 377;
Densità: 5,8 ab./km²;
Sito: www.comune.saintrhemyenbosses.ao.it;

Frazioni: Cuchepache, Pont-Combaz, Pleiney, Saint-Rhémy, Prédumaz-Falcoz, Saint-Léonard (capoluogo), Vat, Suil, Ronc, Cerisey, Motte.

Comune di Saint Rhemy En Bosses

Frazione Saint-Léonard 10 - 11010 Saint Rhemy En Bosses (AO) Italia

Comune di Saint Rhemy En Bosses
Stemma

Si tratta di un comune sparso, Saint-Rhémy è il villaggio più importante della conca situata nell'alta valle del Gran San Bernardo e chiamata Bosses, a 20 km circa da Aosta. Gli altri villaggi sono Saint-Léonard (sede del municipio), Prédumaz-Falcoz e Ronc.

Il comune è attraversato dal torrente Artanavaz, tributario del Buthier.

Storia

La funzione di centro abitato più vicino al colle sul versante alpino meridionale ha caratterizzato Saint-Rhémy nei secoli. Il toponimo latino è Endracinum: in epoca romana sul posto sorgeva un importante mansio a controllo della strada, mentre la villa del dominus Baucius sorgeva poco distante dall'arteria, sulla collina.

Subì le invasioni degli Unni, dei Burgundi, dei Longobardi, dei Carolingi e dei Saraceni, passando di mano in mano tra il VI al X secolo. Secondo la tradizione, durante la dominazione burgunda il re Gontrano, di passaggio per la valle, si fece battezzare da San Remigio arcivescovo di Reims nel 496 d.C., dando quindi il nome al paese.

Saint-Rhémy-en-Bosses è citata nel resoconto dell'itinerario di Sigerico di Canterbury che, attorno al 990 si recò a Roma per ricevere dalle mani del Pontefice Giovanni XV il Pallio; tale percorso nei secoli successivi sarebbe stato chiamato Via Francigena. In particolare la località ne rappresentava la XLVIII tappa (submansio), e fu definita dall'Arcivescovo di Canterbury Sce Remei. Egli vi soggiornò prima di oltrepassare il Colle del Gran San Bernardo.

Monumenti e luoghi d'interesse

  • Accanto alla chiesa sorge il Castello di Bosses, castello di tipo monoblocco del XIV-XV secolo.
  • In località Les Maisons, si trova la casaforte di Chevillien o Chez-Vuillien, che ben conserva una torre cilindrica e una caditoia sul lato est.
  • Degno di nota l’antico lavatoio in pietra, con lo stemma dei conti Savin de Bosses.
  • D'estate, si può visitare l'allevamento dei cani di San Bernardo, nei pressi dell'Ospizio di San Bernardo.
  • Da Saint-Rhémy si raggiungono con un sentiero le opere del Vallo Alpino; un altro sentiero da Saint-Rhémy porta alla Batteria di Plan Puitz

Lingue e dialetti

Oltre ad essere bilingue italiano-francese, la popolazione locale parla il patois valdostano.

Economia

Il Vallée d'Aoste Jambon de Bosses DOP è un prosciutto artigianale prodotto in quantità limitata ed esclusivamente nel territorio di Saint-Rhémy-en-Bosses secondo tradizioni tramandate nei secoli. La sua produzione è regolamentata da un rigoroso disciplinare depositato presso la Comunità Europea che nel 1996 gli ha riconosciuto la DOP. A tutela del prodotto e dei produttori di questo prodotto unico, nel 2008 è stato costituito il Comitato per la Promozione e la Valorizzazione del Vallée d'Aoste Jambon de Bosses DOP. Infatti in Francia, nella città di Aoste (dipartimento dell'Isère), omonima del capoluogo regionale valdostano, il prosciuttificio usine Aoste produce prosciutti industriali che niente hanno in comune con il Vallée d'Aoste Jambon de Bosses DOP, ma che spesso vengono erroneamente confusi, soprattutto oltralpe; la Commissione Europea ammette che la produzione industriale francese sia denominata Jambon Aoste, essendo Aoste una marca di fabbrica.

Eventi

Il 5 agosto ogni anno si effettua il pellegrinaggio della Madonna delle nevi al santuario di Fonteinte.

Carnevale della Combe Froide

A carnevale, di grande interesse la sfilata delle Landzette, le maschere tradizionali della Combe Froide. Tali maschere sono ispirate alla divisa delle truppe napoleoniche, che seminarono il terrore al loro passaggio nel maggio del 1800. Per esorcizzare questo evento, la popolazione della Combe Froide, la zona della Valpelline e della Valle del Gran San Bernardo, ha elaborato nei secoli una coloratissima parodia delle divise militari dell'epoca, e il giorno del carnevale percorrono tutti i comuni delle due vallate in maniera estremamente chiassosa e festosa.

Altre immagini

  • Saint Rhemy
  • Castello di Bosses

Nessun commento è stato inserito, sii il primo a postarne uno!

Inserisci un commento

Associazione Libero Comune

Via Vitali, 27 - 29121 Piacenza (PC) Italia

Email: